Metti una sera a casa di Accorsi…

Laetitia Casta svela la routine della sua vita privata, i figli e la politica… e non risparmia neppure Berlusconi e Carla Bruni

Foto 1.jpg

Come sarà la vita privata dell’attore Stefano Accorsi e della sua compagna Laetitia Casta? Ce lo svela direttamente la bella modella corsa in un’intervista al settimanale A.

Laetitia e Stefano stanno assieme da otto anni con tre figli all’attivo, ma solo due di Accorsi, perché il più grande è nato dalla relazione fra la modella francese e un precedente compagno.

La bella Laetitia, senza troppi complimenti, ci svela che la sua vita privata è: “Tranquillissima e normalissima. A me non piace andare a ballare, preferisco stare con gli amici a chiacchierare. Se siamo solo noi due, passiamo il tempo coi bambini, che non vedono mai la tv: i film e i cartoni in dvd sì, ma sia io sia Stefano pensiamo che questa tv non serva a nulla. Poi, quando li mettiamo a letto, parliamo: anche di politica, perché gli argomenti offerti sono davvero tanti. Ma è vero che quelli di Silvio Berlusconi hanno perso alle ultime elezioni? Una buona notizia”.

 

Ma se il Premier Berlusconi resta comunque in Italia, e pure al governo per ora, in Francia ad attrarre l’opinione pubblica è la Première Dame Carla Bruni in attesa di diventare nuovamente mamma assieme al compagno, il presidente Nicolas Sarkozy. E se Laetitia Casta non ha peli sulla lingua riguardo a Berlusconi, cosa penserà della Bruni? Semplice: L’ho sempre detto: Je m’en fous de Carla (non mi importa di Carla, ndr). Spero solo che anche da noi le cose cambino. In meglio”.

 

Bene, sembra proprio che la sincerità della Casta non risparmi nessuno, neppure le sue illustri ex colleghe di passerella.

Lasciamo la coppietta felice al privato del suo nido domestico, senza però abbandonare i pettegolezzi del gossip francese che vedrebbe Stefano e Laetitia presto sposi in gran segreto entro la fine dell’estate.

XOXO, Mattia

Foto2.jpg

Metti una sera a casa di Accorsi…ultima modifica: 2011-07-19T10:49:00+00:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento